immagine-mancante-articoli

Le differenze del giudizio di anomalia dell’offerta in caso di concessioni di servizi

Il giudizio di anomalia dell’offerta presenta sostanziali differenze di contenuto a seconda che si tratti di concessione di servizi, piuttosto che di altri appalti. Ciò, in quanto nella concessione si controlla l’attendibilità di una previsione economico-finanziaria con pieno o preponderante accollo del rischio economico del peculiare mercato del servizio da parte del concessionario. Quindi, siffatta verifica, pur sempre rigorosa, verte sempre sull’attendibilità d’una ragionevole e ponderata previsione economica, che lascia un margine d’incertezza a chi confeziona l’offerta e un alto margine di opinabilità tecnico-discrezionale a chi la riscontra. Opinabilità non sindacabile in sede di legittimità se non per evidenti errori di fatto e macroscopica irragionevolezza. In tema di concessioni la verifica di anomalia – considerato che anche la voce dei ricavi risulta ex ante indefinita – assume connotazioni ancor più discrezionali e in qualche misura flessibili (in quanto condizionata da una rilevante componente previsionale), se non caratterizzata da margini di incertezza.

Copyright © – Riproduzione riservata

 Read MorePortale Pubblica Amministrazione

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Pinterest
Reddit
VK
OK
Tumblr
Digg
Skype
StumbleUpon
Mix
Pocket
XING
Email
Print
COMMENTA
Leave a Response

Lascia un commento