Lo squalo che ha nuotato per quasi 30.000 km

Lo squalo seta è uno degli squali più diffusi nei nostri oceani. Vive tendenzialmente in acque tropicali, di solito nelle vicinanze della piattaforma continentale, e ha abitudini migratorie delle quali però sappiamo molto poco: nuota in mare aperto, e questo rende difficile tracciarne i movimenti – anche se in passato abbiamo seguito via satellite qualche esemplare e scoperto che possono coprire quasi 2.000 km in un viaggio.
Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Fish Biology, però, suggerisce che li abbiamo sempre sottovalutati: Genie, un esemplare di squalo seta di sesso femminile che vive nella riserva marina delle Galápagos, ha infatti compiuto, nel giro di un anno e mezzo, un viaggio da record di 27.666 km, percorrendo quindi l’equivalente di quattro volte l’estensione degli Stati Uniti da est a ovest.. Il record di Genie. La migrazione di Genie ha sorpreso gli scienziati che l’hanno “taggata” nel 2021 non solo per la sua lunghezza, ma anche per un altro motivo: in genere, gli squali che vivono nella riserva marina delle Galápagos tendono a, per così dire, restare in zona, perché le acque dove nuotano sono ricche di cibo e non hanno quindi bisogno di allontanarsi troppo da casa. Genie ha invece nuotato per 546 giorni prima, coprendo 50 km al giorno e arrivando a quasi 5.000 km di distanza dal luogo di partenza – qui potete vedere una ricostruzione del suo percorso.. Migrazione e conservazione. Al di là dell’impressionante record, sapere che gli squali seta migrano coprendo distanze anche molto lunghe è fondamentale in termini di conservazione: sono infatti considerati vulnerabili dall’IUCN, e rappresentano la seconda specie di squalo più cacciata del mondo.
La migrazione di Genie è avvenuta in gran parte in acque internazionali, lontana da aree protette, in zone dove il rischio di venire catturata dai pescatori o rimanere impigliata nelle loro reti è molto alta. Sapere dove nuotano gli squali seta, quindi, è fondamentale per proteggerli al meglio, in quello che deve per forza essere uno sforzo internazionale ben coordinato.. Read MoreFocus.it – Ambiente

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Pinterest
Reddit
VK
OK
Tumblr
Digg
Skype
StumbleUpon
Mix
Pocket
XING
Email
Print
COMMENTA
Leave a Response

Lascia un commento